Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie. Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra Cookie Policy

Richiedi un preventivo

campo obbligatorio
campo obbligatorio
campo obbligatorio
campo obbligatorio
campo obbligatorio

  * consenso all'utilizzo
PrestitiOnline.com attua una politica di trattamento dei dati personali nel rispetto del diritto alla riservatezza dei soggetti coinvolti. Informativa ai sensi dell'art. 13 del D.Lgs. 196/2003 e consenso al trattamento dei dati personali da parte degli aventi diritto e degli interessati al trattamento dei loro dati personali.
campo obbligatorio


Guida ai prestiti

Guida alla Cessione del Quinto per Pensionati

Il prestito con cessione del 5° è tra le opzioni migliori alle quali possono ricorrere i pensionati che necessitano di liquidità aggiuntiva. Trattandosi di un prestito non rischioso per gli istituti finanziari, dal momento che ad occuparsi del rimborso è l'ente previdenziale, viene concesso senza particolari problemi a chi ne fa richiesta. L'importo massimo finanziabile dipende dall'ammontare della pensione netta mensile, che rappresenta il punto di partenza per il calcolo della quota cedibile.

Il calcolo della quota cedibile
Per i pensionati spesso la pensione mensile è l'unica fonte di reddito. Per questo, esiste una quota di pensione non intaccabile, corrispondente all'ammontare della pensione minima che viene stabilito annualmente dalla legge. Quando si sta pensando di richiedere un prestito con cessione del quinto, quindi, è necessario rivolgersi al proprio ente previdenziale che effettuerà il calcolo della quota cedibile della pensione, tenendo conto della pensione netta mensile percepita dal richiedente e della pensione minima in vigore nell'anno in corso. L'importo della quota cedibile così calcolato influisce sull'importo complessivo del finanziamento che può essere richiesto.
 
Le caratteristiche del prestito
Il prestito con cessione del quinto per pensionati prevede la partecipazione attiva dell'ente previdenziale che, oltre ad intervenire nel calcolo della quota cedibile, deve autorizzare l'operazione di finanziamento e deve operare le trattenute mensili sulla pensione a favore dell'istituto finanziario che ha erogato il prestito. L'ente previdenziale, sia nel caso di pensionati del settore privato che pensionati del settore pubblico, svolge anche un ruolo di garanzia e di tutela a favore dei pensionati, verificando che l'istituto di credito possegga le idonee autorizzazioni e che il tasso di interesse applicato al prestito sia inferiore al tasso usurario. L'importo massimo del finanziamento non è definibile in anticipo, essendo legato all'importo della pensione netta mensile e, di conseguenza, della quota cedibile. La durata del prestito è in genere compresa tra 4 e 10 anni, ma è necessario tener conto di eventuali limiti di età fissati dall'istituto che concede il prestito. I limiti di età possono riguardare sia l'accesso al prestito (in genere riservato a chi ha meno di 86 anni) sia l'età del pensionato alla scadenza del finanziamento. Il tasso di interesse è fisso per tutta la durata del finanziamento e deve essere chiaramente indicato, insieme al TAEG, nel contratto firmato dalle parti.

La documentazione richiesta
La documentazione da presentare all'istituto di credito che concede il prestito con cessione del quinto della pensione è composta da codice fiscale, documento di identità e modello OBIS. Inoltre, è obbligatorio presentare il documento relativo alla comunicazione di cedibilità della pensione rilasciato dall'ente previdenziale. L'esito della richiesta di finanziamento è pressoché immediato: se l'ente di previdenza autorizza l'operazione, l'importo finanziato è subito a disposizione del pensionato che può utilizzare il denaro per tutti i suoi progetti. Ad occuparsi del rimborso del prestito è poi direttamente l'INPS, che procederà alla trattenuta mensile del quinto della pensione e al contestuale versamento a favore della banca o della società finanziaria che ha effettuato il prestito. 

Prestiti anche per cattivi pagatori, protestati o pignorati
I prestiti con cessione del quinto della pensione sono operazioni di finanziamento a bassissimo rischio per chi concede il denaro: il rimborso del prestito è infatti garantito dall'intermediazione dell'ente previdenziale. Queste caratteristiche fanno sì che i prestiti con cessione del quinto della pensione siano facilmente accessibili a tutti i pensionati, anche a coloro che abbiano avuto in passato qualche disguido sul piano finanziario. Cattivi pagatori, persone che abbiano subito un pignoramento o protestati possono ottenere facilmente credito ricorrendo a questa tipologia di prestito. I prestiti con cessione del quinto per i pensionati possono essere richiesti anche on line e il denaro può essere incassato tramite assegno circolare o tramite accredito sul conto corrente.