Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie. Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra Cookie Policy

News

02/05/2016

Prestiti per pensionati: quali sono le alternative?


Prestiti per pensionati: quali sono le alternative?

Il sistema finanziario italiano offre diverse alternative ai pensionati che hanno bisogno di liquidità. La certezza di un reddito stabile permette ai pensionati di accedere al credito piuttosto facilmente e di poter scegliere tra diverse configurazioni di prestito quella più conveniente. Oltre ai classici prestiti personali, infatti, ci sono alcuni prestiti specificamente pensati per chi è in pensione.

Il tipo di prestito più semplice da richiedere e da estinguere è il prestito con cessione del quinto della pensione. Si tratta di un prestito personale che può essere richiesto solitamente fino a 75 anni. Il prestito può avere una durata massima di 10 anni e viene rimborsato con rate mensili di importo costante trattenute direttamente dall'INPS. L'importo della rata viene calcolato in base alla pensione netta mensile e può essere al massimo pari a un quinto della stessa.

I pensionati pubblici possono richiedere i prestiti personali ex INPDAP. L'INPS concede ai dipendenti delle amministrazioni statali e pubbliche piccoli prestiti e prestiti pluriennali alle stesse condizioni offerte dal vecchio istituto previdenziale.

I pensionati che sono titolari di un immobile possono anche optare per il prestito vitalizio ipotecario. In questo caso viene iscritta un'ipoteca sulla casa e si ottiene un prestito che non dovrà essere rimborsato direttamente dal pensionato. Alla sua morte, gli eventuali eredi potranno decidere di rimborsare integralmente il prestito concesso dalla banca o di procedere alla vendita dell'immobile.

Richiedi un Preventivo