Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie. Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra Cookie Policy

News

04/12/2015

La BCE taglia ancora i tassi sui depositi e prolunga la durata del QE


La BCE taglia ancora i tassi sui depositi e prolunga la durata del QE

La BCE ha deciso un ulteriore taglio dei tassi sui depositi: il saggio di interesse scende  al -0,3% dal precedente -0,2%. L'obiettivo della Banca Centrale è quello di incentivare ancor di più l'erogazione di prestiti e finanziamenti a privati e imprese. In più, Draghi ha annunciato il prolungamento del programma di Quantitative Easing fino al 2017

Il taglio dei tassi di interesse sui depositi rende sempre meno conveniente per gli istituti bancari depositare il denaro presso la Banca Centrale. Con questa mossa, i vertici della BCE sperano di dare un nuovo impulso alla ripresa economica dell'Eurozona. 

La BCE ha anche deciso di prolungare la durata del programma di QE fino a marzo 2017: attraverso l'acquisto di titoli di Stato, la Banca Centrale immetterà moneta nel sistema, contribuendo a generare maggiori investimenti e maggiori consumi. La durata del programma è stata estesa di sei mesi, durante i quali la BCE si impegna ad acquistare titoli per almeno 60 miliardi di euro al mese. Il prolungamento della durata del QE si traduce quindi in 360 miliardi di euro in più che entreranno nel sistema economico dell'Eurozona, cifra che potrebbe salire in caso di necessità particolari. Non sono state apportate variazioni, invece, ai tassi sulle operazioni di rifinanziamento. Le decisioni della BCE dovrebbero facilitare ulteriormente l'accesso al credito per famiglie e imprese che hanno bisogno di un finanziamento.

Richiedi un Preventivo